Pavimenti autobloccanti

I pavimenti autobloccanti per esterno sono la soluzione più economica e duratura nel tempo

E’ fisicamente provato che realizzando una pavimentazione con autobloccanti possiamo ottenere una soluzione senza pari.
Infatti sono innumerevoli i pregi che possono offrire questi tipi di pavimentazioni per esterno.

Gli autobloccanti sono le pavimentazioni più utilizzate per molteplici applicazioni grazie ai loro numerosi pregi che ora andiamo ad elencarvi ed a spiegarvi perché possiamo apprezzare la qualità di queste pavimentazioni.

Pavimento autobloccante piastrella esterno

I vantaggi delle pavimentazioni autobloccanti per esterno

BASSO COSTO

I pavimenti autobloccanti risultano essere la soluzione di pavimentazione al costo più basso.

E’ inteso che le tipologie di soluzioni sono infinite e anche in questo settore come in tutta l’edilizia possiamo acquistare pavimenti da costi bassissimi fino ad arrivare a pavimenti che possono essere utilizzati per piccole superfici anche di pregio e di sicuro possono conferire alla vostra casa un tocco di eleganza anche all’esterno.

Possiamo comunque definire che i costi sono senz’altro concorrenziali rispetti a qualsiasi pavimento in pietra o precompresso in CLS.

Pavimenti autobloccanti posa facile e veloce ecologico e duraturo nel tempo

RESISTENZA AI FENOMENI NATURALI

Un punto fondamentale che ci permette di utilizzare questo tipo di pavimentazione all’esterno è dovuto alla resistenza ai fenomeni naturali: intemperie, gelo, disgelo, acqua con forti decorsi, non danno alcun problema alla pavimentazione con autobloccanti.

Grazie anche ai test di laboratorio sono stati misurati i cicli di vita di questi pavimenti, ed i risultati hanno fornito dati decisamente lunghi di vita.

Se vogliamo collegare la conseguenza della durata di questo prodotto, possiamo aggiungere che i pavimenti autobloccanti hanno un alto potere drenante e permettono un deflusso veloce dell’acqua evitando la creazione di pozzanghere che a loro volta nel tempo danneggerebbero la pavimentazione.

DURATA NEL TEMPO

Un secondo punto, non trascurabile per essere utilizzato in esterni, è senz’altro la durata nel tempo.

Il mix di materiale utilizzato per la produzione di questi pavimenti è ottenuto mediante la lavorazione di prodotti naturali e pertanto conferisce al pavimento finale una resistenza all’usura praticamente eterna.

Può essere calpestato e percorso anche da mezzi pesanti; grazie al notevole spessore, di norma parliamo di 6 cm. di spessore, permettendo uno sfregamento senza consumo. Pertanto qualsiasi tipo di traffico produce un consumo alla pavimentazione decisamente basso.

PULIZIA DEL PAVIMENTO

Grazie alla posa senza giunti e filure, è possibile evitare la creazione di muffe e la fuoriuscita di erba.

E’ inteso che il pavimento va posato a regola d’arte da un posatore di fiducia che sappia trattare con la giusta quantità di sabbia il sottofondo e effettui tutti le opere secondo le specifiche richieste da questo materiale.

Utilizzare le pavimentazioni autobloccanti per esterno

L’utilizzo di pavimenti autobloccanti in PVC offe una versatilità di utilizzo, poiché possono essere posati non solo in piano ma anche in pendenza, grazie alla loro caratteristica di accoppiamento tra le varie mattonelle, rispettando pienamente il profilo del terreno.

La velocità di posa è anche il motivo per cui scegliere un pavimento autobloccante in PVC: Infatti ci permette di risparmiare sui costi di posa, considerando anche la poca sabbia che deve essere messa come sottofondo, ma soprattutto ci permettono di smontare il pavimento in qualsiasi momento.

Pensate alla necessità di effettuare una riparazione ti un tubo sotto la pavimentazione; in poco tempo possiamo sollevare il numero di mattonelle necessarie a liberare l’area di lavoro e riposizionare con estrema facilità le mattonelle senza risultati visivi sgradevoli.

Sono inoltre versatili perché possono essere posati in piano o in pendenza rispettando la conformazione naturale del terreno; reversibili, in quanto la loro installazione avviene a secco e richiede solo la preparazione del substrato e infine molto semplici e veloci da montare e smontare, un vantaggio notevole in caso di pavimentazioni interessate dal passaggio di impianti a rete come acqua, luce e gas.

Possiamo dire che i pavimenti autobloccanti sono la giusta soluzione per un utilizzo nella realizzazione di cortili, parcheggi utilizzati anche da mezzi pesanti, piste per biciclette, marciapiedi, vialetti privati o pubblici e per tutti gli spazi urbani che devono offrire un calpestio continuo e una pulizia senza troppa fatica. I pavimenti autobloccanti della Turincarta sono una soluzione eccellente per la creazione di una pavimentazione con le caratteristiche che abbiamo voluto elencarvi. Inoltre, grazie al fatto di essere un materiale riciclato, abbiamo un maggiore risparmio sul costo di acquisto di questo prodotto.

ADATTO A OGNI TIPO DI UTILIZZO

Parcheggi anche per automezzi pesanti;
Vialetti;
Isole pedonali;
Piste ciclabili;
Aree gioco per i bambini.

COMPOSIZIONE DELLA PIASTRELLA AUTOBLOCCANTE

1Mq di questo prodotto è composto da 18 pezzi.
1 pezzo pesa circa 3.5 kg
Lo spessore è di 6,2 cm

Caratteristiche tecniche di un pavimento autobloccante

Tutti i pavimenti in autobloccante hanno caratteristiche tecniche di durezza, di peso e di forma che permetto loro di adattarsi meglio al sottofondo e di creare una pavimentazione come più ci piace.

Il pavimento che presentiamo di seguito ha la caratteristica principale di essere realizzato con materiale riciclato e pertanto indistruttibile e soprattutto ecologico.

Gli elementi chiave che tecnologicamente contraddistinguono il pavimento sono:

LEGGEREZZA

Grazie alla struttura in PVC pesa meno della metà del classico autobloccante in CLS.

POSA IN OPERA

Il perfetto incastro degli elementi, rendono l’autobloccante veloce nella posa senza l’uso di sabbia tra le fughe.

RESISTENZA

L’autobloccante è carrabile con mezzi pesanti fino ad una portata di circa 50 tonnellate al mq.

ECOLOGICO

grazie al suo ridotto impatto ambientale si può definire ecologico al 100%.

ECONOMICO

l’autobloccante in PVC riciclato è estremamente economico rispetto al tradizionale in cemento.

Come va posato un pavimento autobloccante

L’attività di posa di un autobloccante inizia dalla scelta del posatore. In modo particolare per pavimenti da realizzare con autobloccanti in PVC è necessario rivolgersi alla giusta impresa che abbia esperienza con questo materiale.

La scelta del colore non influisce sulla posa ma quella della forma del materiale può dare delle lievi variazioni al costo anche della posa.

Se andiamo ad esaminare a strati il nostro terreno da pavimentare possiamo notare una stratigrafia così composta:

  • il terreno naturale che fa da sottofondo
  • uno strato che fa da drenante mediante l’utilizzo di ghiaia di cava della dimensione 15/30 ottenuta dalla frantumazione di pietre e mischiata eventualmente con sabbia non lavata che da una consistenza al sottofondo;
  • uno strato di un materiale definito tessuto-non-tessuto, che serve come separatore e permette alle erbacce di non crescere e salire in superficie;
  • uno strato in genere di 10 cm di sabbia di cava o di fiume ben compressa con apposito rullo vibratore che fa da letto di posa per le nostra mattonelle.

Pertanto la posa a regola d’arte della nostra pavimentazione in autobloccanti non richiede lavorazioni particolari con bitumi o calcestruzzo, viene effettuata completamente a secco, ma richiede una certa attenzione al sottofondo per far si che nel tempo non dia dei cedimenti e provochi spiacevoli avvallamenti sul nostro pavimento.

Una volta terminata la posa si procederà alla rullatura di compattazione della pavimentazione andando a livellare perfettamente tutte le mattonelle e creando una uniformità al piano stradale.

Un buon posatore può posare mediamente 20 mq. di pavimentazione di autobloccanti all’ora. Questo numero può però variare considerevolmente nel caso in cui l’area urbana da pavimentare sia interessata da molti ostacoli e riseghe. In quel caso il lavoro rallenta e pertanto anche i costi in fase di preventivo saranno più elevati.

Una valida alternativa al classico pavimento autobloccante in CLS

Pavimento autobloccante esterno posa veloce economica

Come abbiamo spiegato in precedenza il sistema di pavimentazione autobloccante propone svariate soluzioni di forma e di finitura.

Esiste una soluzione innovativa che vince sul tradizionale autobloccante in cemento in quanto è realizzato con scarti della lavorazione di materiale plastico, interamente riciclato, che tramite particolari processi produttivi conferisce al materiale una elevata durezza e soprattutto un prodotto ecologico al 100%.

Pavimento autobloccante piastrella esterno
Pavimento autobloccante piastrella per esterno

Il blocchetto di pavimento si presenta con un colore di produzione grigio.
Grazie alla sua composizione può essere colorato in differenti sfumature; oppure dopo essere posato si può verniciare con dello smalto acrilico a base di acqua.

L’autobloccante si presenta con la forma di tre esagoni accostati con una eventuale smussatura inclinata lungo tutto il perimetro della superficie superiore; la faccia superiore dell’autobloccante può essere  bugnata o liscia senza disegni.  Entrambi i modelli sono antiscivolo. Questo pavimento autobloccante in plastica  riciclata viene fornito su pallets ed ogni bancale contiene 15 mq. di prodotto.

LA POSA IN OPERA E’ PRATICA E VELOCE

Per iniziare è necessario lavorare sul terreno asportando la vegetazione superficiale, i sassi, le radici emergenti e il primo strato di terriccio, battendo il terreno rimanente in modo da avere un piano ben livellato.

Sul piano ben battuto e con le relative pendenze occorre stendere soltanto 4/5 cm di sabbia e dopo la livellatura della stessa, posare gli autobloccanti senza lasciare spazio tra gli elementi.

Non è necessario avere un battuto di cemento su cui stendere la sabbia, poiché questo prodotto è autolivellante e si adatta al fondo.

A differenza degli autobloccanti in cemento, non si devono assolutamente lasciare fughe tra un elemento e l’altro, in questo modo si evita la fastidiosa crescita dell’erba grazie al perfetto incastro delle mattonelle.

Per completare la posa in opera degli autobloccanti in plastica  riciclata  è necessario effettuare una rullatura vibrata.

Per mantenere i blocchetti in posizione, l’area autobloccanti dev’essere delimitata con cordoli in calcestruzzo, oppure utilizzando della pietra naturale.
Esistono sul mercato dei cordoli in cls di vari spessori e di norma lunghi 100 cm.

Il pavimento autobloccante in plastica riciclata, è nato come pavimentazione industriale, ha trovato i più svariati impieghi grazie alla sua estrema versatilità anche nel campo dell’arredo urbano e civile.

Pertanto è quindi da considerare un rivoluzionario pavimento autobloccante ecologico e multiuso che non teme paragoni con il massello in calcestruzzo.

Applicazioni e utilizzi della pavimentazione autobloccante

PARCHEGGI TRANSITABILI CON AUTO E MEZZI PESANTI
RAMPE E SUPERFICI INCLINATE
MARCIAPIEDI E VIALETTI PEDONALI
ISOLE ECOLOGICHE
PISTE CICLABILI
PISTE PER AEROMODELLISMO
AREE GIOCO PER BIMBI
AREE RICREATIVE ESTERNE
BASAMENTI PER PISCINE FUORI TERRA
SERRE
DEHORS
CORTILI
PIAZZALI SOPRA ELEVATI E TERRAZZI
OFFICINE
BOX AUTO
STALLE E CAMMINAMENTI PER ANIMALI

FOTOGALLERY

RICHIEDI INFORMAZIONI
Scrivi un'email al seguente indirizzo sarai al più presto ricontattato

maurizio.leone@aries.it